Confesso di non condividere la diffusa delusione per la mancata nomina di un ministro o di un sottosegretario all’agenda digitale che emerge tra gli altri dai puntuali e appassionati post di Massimo MantelliniAlfonso Fuggetta e Guido Scorza.

Segue su Agendadigitale.eu: Tatti (Agid): “Scandinavia, Francia e UK vivono bene senza un ministro digitale”

Annunci